Tetto di vetro: per aumentare la luce in casa

Tetto di vetro per aumentare la luce in casa

Tipicamente progettato per coprire una veranda o per arredare una tenda da sole, il tetto in vetro può anche essere adattato al vostro interno per creare un lucernario. Il vantaggio? Farà passare molta luce naturale e vi farà sentire come se foste all’aperto, tenendovi al caldo nel vostro salotto. Ecco i nostri consigli per l’installazione di un tetto in vetro.

Vetro e contro tutti!

Una stanza immersa nella luce crea una sensazione di benessere sufficiente a dare ad un tetto in vetro un alto valore aggiunto. Inoltre, si tratta di un’installazione molto estetica che si inserisce armoniosamente in qualsiasi casa, sia appollaiata sopra un soggiorno che a coronamento di una veranda.

I tetti in vetro si trovano principalmente nelle case (progettate dagli architetti, più libere di muoversi), nei loft o nelle case compatte, dove il numero ridotto di finestre riduce notevolmente la quantità di luce. Un tetto trasparente compensa questa carenza creando un lucernario.

Quindi, anche se l’idea di sostituire parte del soffitto con un tetto in vetro può sembrare curiosa a prima vista, è necessario sapere che porterà all’abitazione un importante valore aggiunto: l’estetica, in primo luogo; l’energia, in secondo luogo, perché con un buon isolamento termico, la luce riscalderà l’interno, risparmiando così sui costi di riscaldamento.

Tutto per il tetto

Sia che venga installato in un luogo che necessita di molta luce (veranda, serra, ecc.) o in un soggiorno, il tetto trasparente, fatto di tegole di vetro, ha molti vantaggi:

  • Permette il passaggio della luce naturale
  • È molto estetico e permette una certa fantasia architettonica
  • Le tessere di vetro sono disponibili in molte texture ed apparenze (vetro temperato, vetro stratificato, vetro rinforzato, ecc.).
  • Le piastrelle offrono un eccellente isolamento termico e acustico.
  • La sua installazione è relativamente facile

Tetto in vetro o policarbonato?

Nella scelta di questi due materiali più comunemente usati per i tetti trasparenti, vengono presi in considerazione diversi criteri: le proprietà isolanti di ciascuno di essi, le esigenze di manutenzione, la posizione della parte coinvolta nell’opera.

  • Per una veranda: il vetro è una buona soluzione nel caso di una veranda esposta a sud, in quanto permette il passaggio sia del calore che della luce (a seconda del tipo di vetro, da singolo a triplo); il policarbonato, che è traslucido, riduce un po’ la luce, e si adatta meglio a una veranda esposta a nord, in quanto è anche meglio isolante (più caldo in inverno, più fresco in estate).
  • In termini di resistenza: il policarbonato è generalmente utilizzato per il tetto di una veranda perché è resistente e funziona bene in caso di incendio; ma in termini assoluti, se si sceglie il vetro massiccio (doppio vetro con isolamento rinforzato o triplo vetro), resiste di più nel tempo.
  • In termini di durata: il vetro è inalterabile, non si muove, ma è sensibile alle tracce (pioggia, foglie, dita, zampe di uccello…); il policarbonato, più facile da mantenere, diventa giallo nel tempo, anche se i produttori hanno fatto progressi in questo campo.
  • In termini di prezzo: il costo del vetro è più elevato, soprattutto per gli spessori sufficientemente isolanti (circa 100€ al m2 per i vetri tripli, 50€ per i doppi vetri); il policarbonato viene venduto in lastre ondulate o alveolari, e il suo livello di ingresso è molto più accessibile (15€ al m2).

Cose da sapere su un tetto di vetro

Teoricamente, a seconda delle dimensioni e del tipo di costruzione della vostra casa, potete decidere liberamente le dimensioni di un tetto in vetro e il suo stile, permettendovi ogni tipo di fantasia architettonica (piramide, diamante, tetto a cupola, ecc.)

Tuttavia, è necessario tenere conto di una serie di vincoli:

  • Le piastrelle di vetro sono pesanti e richiedono una struttura robusta;
  • Le istruzioni di sicurezza sono impegnative: optate per un vetro di sicurezza (composto da una pellicola posta tra ogni strato di vetro) che non si rompa in pezzi al minimo impatto; se il vostro soffitto di vetro verrà utilizzato anche come pavimento, quindi se sarete costretti a camminarci sopra, dovrà essere ulteriormente rinforzato;
  • Bisogna pensare alla possibilità di un furto, e scegliere un bicchiere che sia abbastanza forte da non essere attaccato da un intruso;
  • Le tegole di vetro sono abbastanza costose, soprattutto per il vetro pesante;
  • Particolare attenzione deve essere prestata ai problemi di isolamento termico e acustico: la qualità del vetro deve essere elevata per ridurre le perdite di calore (è richiesta un’elevata efficienza del vetro) e per tenere fuori i suoni.

Il prezzo del vetro

L’installazione di un tetto in vetro, quindi, è costosa. È logico, come sappiamo, che un tetto di questa natura debba poggiare su una struttura metallica sufficientemente solida e necessiti di un vetro molto spesso – materiali che non sono economici. I costi effettivi dipendono da una serie di fattori:

  • Dimensioni del tetto
  • Spessore del vetro
  • Tipo di vetro
  • Tipo di vetro
  • Azienda di installazione

È difficile misurare un prezzo preciso, ma in media il prezzo di un tetto in vetro si aggira intorno agli 80-120€ al m2 , che è il doppio del costo di un tetto in tegole. E qui si parla di una costruzione nel nuovo o nel caso di un ampliamento (veranda e altre). Nelle ristrutturazioni, c’è ancora più da fare, poiché questo tetto richiede la fabbricazione di un telaio specifico.

Se lo siete, non esitate a consultare diversi produttori e a chiedere preventivi per mettere un dito sui prezzi che si adattano al vostro budget.