Quartieri malfamati di Londra: quali sono e come comportarsi

Quartieri malfamati di Londra quali sono e come comportarsi

Londra è una delle metropoli più visitate al mondo e, nonostante qualche sporadica brutta esperienza da parte dei turisti, anche una città molto sicura.

Naturalmente, considerato che stiamo parlando di una città in cui vivono e lavorano quasi 9 milioni di persone, e che si tratta di un territorio molto eterogeneo, non mancano le evidenti differenze tra zona e zona.

Proprio per questo motivo abbiamo voluto dedicare una guida ai quartieri malfamati di Londra, individuando le zone da evitare o, nelle quali, sarebbe comunque opportuno prestare un po’ di attenzione in più.

Ti invitiamo dunque a dare uno sguardo attento alla lista che segue, con una piccola accortezza: molto spesso la pericolosità di una zona è legata al momento in cui si visita (sono generalmente da evitare le ore notturne) e dal modo in cui ci si interfaccia (escursione da solo o in compagnia, atteggiamento discreto o comportamento molesto, e così via).

Insomma, val sempre la pena ricordare che il principale “indicatore” di pericolosità non può che essere il proprio buon senso: adottandolo correttamente si potranno evitare tutti i rischi del caso!

Tottenham Hale

Ha la nomea di una delle zone più pericolose di Londra e, effettivamente, ha un tasso di criminalità maggiore dei quartieri vicini. È tuttavia sufficiente evitare le escursioni notturne lontano dalla metro per contenere ogni rischio.

Hackney

Hackney è una delle zone più popolari di Londra, caratterizzato con un elevato tasso di povertà e di criminalità. Generalmente la rischiosità sale man mano che ci si allontana dalla City.

Peckham

È un’altra area dalla cattiva nomea, rinvigorita dai noti incidenti londinesi del 2011 che si concentrarono proprio qui. Anche in questo caso, val la pena ricordare che sarebbe opportuno evitare delle escursioni notturne in solitaria. Appartiene allo stesso distretto anche Camberwell, ritenuta a minore rischio.

Harlesden

È il quartiere del “reggae”, grazie all’elevata presenza di popolazione caraibica e africana. Fino a una ventina di anni fa era sicuramente una delle peggiori zone di Londra, ma oggi la situazione è migliorata.

Limehouse

Ecco un’altra zona di Londra, nella parte est, con una fama non proprio invidiabile. Anche in questo caso, come avviene con Tottenham Hale, il rischio cresce man mano che ci si allontana dall’area più frequentata, quella della stazione.

Seven Sisters

È un quartiere molto ampio, in cui aleggiano delle strade poco trafficate e piuttosto pericolose. Lì vicino si trova anche Finsbury Park, altro quartiere a nord, con caratteristiche urbane simili a quelle di Seven Sisters.

Brixton

Si tratta di un altro quartiere con una nomea non gloriosa. Molti turisti affermano di aver avuto problemi nel frequentarlo ma, come sempre, molto dipende dal modo con cui ci comporta e dal momento del giorno in cui ci si reca. Sono tendenzialmente da evitare le ore della tarda notte.

Conclusioni

Fin qui, una panoramica di alcune delle zone meno raccomandabili di Londra ma… attenzione!

Come abbiamo già premesso in apertura di questa mini guida, il fatto che le zone di cui sopra abbiano un tasso di criminalità maggiore della media non sta certamente a significare che non possano essere visitate o che, di contro, se visitate siano un biglietto di sola andata per i guai!

Le visite a tali zone durante le ore diurne non sono infatti da temere e, anzi, all’interno di tali aree sono altresì presenti alcune attrazioni turistiche che non dovresti perdere di vista se vuoi respirare un po’ di “vera” aria londinese. Tuttavia, ti consigliamo di fare un po’ più di attenzione nel momento in cui programmi un passaggio in quelle zone durante le ore notturne, soprattutto se sei da solo e non hai una conoscenza diretta di cosa troverai.