Arredare la cucina: le 3 disposizioni più utilizzate

Arredare la cucina: le 3 disposizioni più utilizzate

Per chi ha deciso di voler realizzare una nuova cucina, in questo articolo parleremo delle migliori soluzioni per arredarla. In questo modo, sarà possibile scegliere la disposizione più adatta alle proprie esigenze e avere dei validi consigli per una progettazione ideale. La cucina, infatti, ha assunto un ruolo sempre più importante all’interno del contesto domestico. Da area adibita alla preparazione di pietanze è diventata, oggi, la stanza più importante della casa di ogni famiglia. Proprio per questo motivo, oltre a una disposizione e progettazione studiate ad hoc, occorre anche arredare la cucina con mobili di qualità. Chi cerca un negozio di cucine a Belluno può visitare il sito https://www.eziodallarosa.com/ che offre un’ampia gamma di soluzioni per arredare al meglio la propria cucina. Vediamo, quindi, le 3 principali tipologie di disposizione dalle quali potrebbe prendere forma la vostra cucina.

La composizione lineare

Chi ama in modo particolare la semplicità e uno stile di cucina moderno non può che orientarsi verso composizioni lineari. Si tratta di un modo di disporre la cucina che ha ottenuto, negli anni, sempre un grande successo e che non passa mai di moda. Gli unici vincoli che questa disposizione impone sono quelli relativi al corretto posizionamento degli allacci delle tubature di gas e acqua. Progettando, quindi, un’accurata disposizione sarà possibile ottenere un’ergonomia di alta qualità. Ciò consente di rendere semplice e rapida ogni tipo di operazione all’interno della cucina.

Dopo avere verificato la corretta posizione degli allacci sarà possibile inserire lavello e piano cottura dividendoli da uno spazio sfruttabile come piano di lavoro. Questa soluzione permette di ottenere un ambiente molto funzionale e comodo. Infatti, con il minimo spostamento si potranno compiere tutte le attività.

Arredare con il blocco isola

Una delle novità di maggior successo degli ultima anni sono, senza alcun dubbio, le cucine con isola. Si tratta di una soluzione con grande impatto estetico. Questo tipo di disposizione assume maggiore valore all’interno di ambienti molto ampi che garantiscono un adeguato spazio di lavoro e di passaggio intorno all’isola. Naturalmente, alcuni escamotage di progettazione rendono possibile questa configurazione all’intero di ambienti più piccoli. L’importante è ottenere il massimo della fruibilità, che va tenuta in considerazione nella fase di progettazione della cucina. L’isola, protagonista di questi ambienti, può essere utilizzata per diversi scopi. Infatti, si può sfruttare come area operativa integrando il lavello o scegliere di inserire anche il piano cottura. In alcuni casi, si può optare anche per l’installazione di un forno nella base. Ciò che contraddistingue questa soluzione, quindi, è il grande valore ergonomico. Infatti, la disposizione con isola permette di effettuare ampi movimenti e di cucinare in totale libertà come all’interno di una cucina professionale. Quando si opta per questa disposizione, però, occorre fare molta attenzione alla cappa, elemento indispensabile all’interno di una cucina. Infatti, bisogna valutare se effettuare lavori aggiuntivi per poter canalizzare l’aria.

Scegliere il blocco penisola

La terza disposizione che vi presentiamo è quella della cucina con penisola. Si tratta di una soluzione ideale soprattutto per ambienti open space che integrano, nello stesso spazio, cucina e sala living. La penisola è molto apprezzata per dare molto movimento a tutta la cucina. La sua progettazione varia in base anche alla scelta effettuata in accordo con i consulenti di arredo. Infatti, la penisola può essere utilizzata come bancone anche per il pranzo o come piano snack per merende e colazioni. Come già accennato per la soluzione a isola, anche in questo caso si potrà scegliere se rendere il piano di lavoro sfruttabile per la preparazione dei pasti o utilizzarlo in modo più libero. Inoltre, alcune soluzioni consentono di utilizzare la base dell’isola come ampliamento della dispensa, così da conservare oggetti di vario tipo.